Skip to main content

Materassi: tipologie, pro e contro. Consigli per la scelta

Quali sono le tipologie di materassi e i pro e contro di ognuna di queste? Quanti tipi di materassi esistono? Qual è quello giusto? Non esiste una risposta univoca, perché dipende innanzitutto dalla propria corporatura. Dunque, vi sveliamo insieme quali modelli esistono, scoprite pro e contro di ogni proposta e valutate in base alle vostre esigenze.
Materasso a molle:

  il materasso a molle è un vero e proprio evergreen, che tutti, più o meno, conosciamo. Si tratta di un buon prodotto, caratterizzato da una struttura costituita proprio da molle messe in posizione verticale. A livello di resistenza, dunque, questo è certamente un prodotto durevole, sebbene gli esperti consiglino di cambiare il materasso ogni 10-12 anni, proprio per un discorso di sostegno continuativo. Sceglierne uno a molle è una buona cosa per il portafoglio, perché è riconosciuto che questo sia il più economico sul mercato. Quante molle contiene? Di solito ne ha 800, ma ci sono anche modelli che ne hanno di meno, circa 400, o di più, circa 1600. Averne di più garantisce una migliore portata e sono particolarmente consigliabili a chi ha un peso importante. Visto che la struttura è fatta di molle, c’è un’ottima traspirabilità.

Materasso a molle insacchettate:

sono costituiti da piccoli elementi in metallo, i quali sono chiusi singolarmente dentro un rivestimento, chiamato, appunto, sacchetto. Questa tipologia di materasso è definita anche a molle indipendenti, perché ognuna di essa si muove in maniera autonoma, lavorando in base al peso e modellandosi seguendo la corporatura. Sono meno traspiranti delle molle classiche, a meno che non scegliate quelle caratterizzate da una particolare tecnologia traspirante.

Materasso in lattice:

è prodotto con una sostanza naturale unita a aria tecnologicamente elaborata. In questo modo si ha la schiuma di lattice, che è molto elastica e si modella facilmente. Attenzione però, sebbene segua perfettamente le curve e le pressioni del corpo, il lattice resiste bene alle deformazioni; inoltre, le celle che lo caratterizzano sono estremamente igieniche. Questi sono i pro, ma ci sono anche dei contro del materasso in lattice: può dare allergia, quindi fate attenzione, ed è particolarmente sensibili agli ambienti umidi.

Materasso in MemoryFoam: è composto da una schiuma termosensibile e rispetto a quello in lattice non ha elasticità. Il corpo si adagia liberamente e tranquillamente su questo materiale, sentendosi immediatamente avvolto. È l’ideale per tutte le tipologie corpo, soprattutto quelle che hanno un buon rapporto di peso-forma. Tra i pro possiamo annoverare che migliora nettamente la circolazione sanguigna e sicuramente favorisce la corretta postura della colonna vertebrale. Di contro, non è molto adatto a chi si muove spesso durante la notte. 

Related News

Nuova categoria tra le nostre proposte: l’UFFICIO

L’anno 2019 si identifica come esperienza pilota per MOBILFANO nella sezione Ufficio. Grazie ad una...

Ristrutturazioni e mobili, i bonus che restano nel 2017

Bonus e detrazioni fiscali per l’anno che verrà. Mutui.it in collaborazione con Facile.it ha analizzato...

L’innovazione: il piano di cottura che aspira gli odori

Si chiama Nikolatesla, ed è l’ultima cappa lanciata da Elica, il suo prodotto più rivoluzionario,...

Shopping Cart